secondorizzonte spazi della scrittura è un sito “ospitale”, aperto a chi scrive e a chi legge, a chi vorrebbe scrivere e a chi sente il desiderio di dire quello che la lettura ha suscitato in lui. Sia che i testi che si propongono siano racconti e romanzi, poesia, diari, saggi e articoli. Sia che si tratti di pensieri e giudizi, venuti dal leggere e rileggere cose vecchie e nuove, o di considerazioni, spunti, citazioni, suggerimenti di lettura su quello che ci sta a cuore: lo scrivere. Leggi tutto



Castelvecchi ha pubblicato quest’estate il saggio che Benjamin scrisse a Ibiza, nel 1933, e che costituisce un riferimento essenziale nel romanzo di Carlo Simoni, Il miserabile: “Era incredibile – dice la protagonista del romanzo – come la depressione che lo attanagliava non gli impedisse di lavorare. Scrisse in quei giorni Esperienza e povertà. Pagine che restano per me fra le sue più toccanti, e profonde, certamente anche perché un giorno ne volle discutere con me. Il venir meno della capacità di narrare non era che la spia di una crisi più generale e profonda, quella della possibilità di vivere accumulando davvero esperienza.”

Walter Benjamin, Esperienza e povertà, a cura di Massimo palma, Castelvecchi 2018)
Leggi tutto




“Gli altri si vantino per le pagine che hanno scritte; io vado orgoglioso per quelle che ho lette.”
(Jorge Luis Borges)

… un libro a settimana

Il bisogno disperato di credere in qualcosa

Paolo Giordano
Divorare il cielo
(Einaudi 2018)

Siamo tutti quietisti climatici

Bruno Latour
Tracciare la rotta. Come orientarsi in politica
(Raffaello Cortina Editore 2018)

Dickens e Stevenson fra horror e pulp

Ian McGuire
Le acque del Nord
(Einaudi 2018)

Il lavoro dell’accordatore e il mestiere di vivere

Miyashita Natsu
Un bosco di pecore e acciaio
(Mondadori 2018)

clicca qui per andare agli altri appunti di lettura



“Per ordinare e capire chi noi siamo dobbiamo raccontarci.” (Antonio Tabucchi)
“Per far qualcosa di buono, si deve esser giù di corda per un lungo periodo.…
“(…) ogni autentico scrittore è splendidamente monotono, in quanto nelle sue pagine vige uno stampo…