secondorizzonte spazi della scrittura è un sito “ospitale”, aperto a chi scrive e a chi legge, a chi vorrebbe scrivere e a chi sente il desiderio di dire quello che la lettura ha suscitato in lui. Sia che i testi che si propongono siano racconti e romanzi, poesia, diari, saggi e articoli. Sia che si tratti di pensieri e giudizi, venuti dal leggere e rileggere cose vecchie e nuove, o di considerazioni, spunti, citazioni, suggerimenti di lettura su quello che ci sta a cuore: lo scrivere. Leggi tutto



Castelvecchi ha pubblicato quest’estate il saggio che Benjamin scrisse a Ibiza, nel 1933, e che costituisce un riferimento essenziale nel romanzo di Carlo Simoni, Il miserabile: “Era incredibile – dice la protagonista del romanzo – come la depressione che lo attanagliava non gli impedisse di lavorare. Scrisse in quei giorni Esperienza e povertà. Pagine che restano per me fra le sue più toccanti, e profonde, certamente anche perché un giorno ne volle discutere con me. Il venir meno della capacità di narrare non era che la spia di una crisi più generale e profonda, quella della possibilità di vivere accumulando davvero esperienza.”

Walter Benjamin, Esperienza e povertà, a cura di Massimo palma, Castelvecchi 2018)
Leggi tutto




“Gli altri si vantino per le pagine che hanno scritte; io vado orgoglioso per quelle che ho lette.”
(Jorge Luis Borges)

… un libro a settimana

Gli adolescenti: conoscerli, raccontarli

Christian Raimo
Ho 16 anni e sono fascista
(Piemme 2018); La parte migliore (Einaudi 2018)

Esperienza della povertà, povertà dell’esperienza

Walter Benjamin
Esperienza e povertà
(Castelvecchi 2018)

Un doppio puzzle

Arnaldur Indriđason
La ragazza delle nave
(Guanda 2018)

La paura di essere nessuno

Gustavo Pietropolli Charmet
L’insostenibile bisogno di ammirazione
(Laterza 2018)

clicca qui per andare agli altri appunti di lettura



“I paesaggi credo portino con sé una tensione. Non potrei scrivere se non avessi prima…
“L’autore non deve affatto il suo nome al prefisso ‘auto-‘, che allude al sé, come…
“Prima sfortuna. E’ più facile descrivere il mondo che parlare di se stessi. Seconda sfortuna.…