secondorizzonte spazi della scrittura è un sito “ospitale”, aperto a chi scrive e a chi legge, a chi vorrebbe scrivere e a chi sente il desiderio di dire quello che la lettura ha suscitato in lui. Sia che i testi che si propongono siano racconti e romanzi, poesia, diari, saggi e articoli. Sia che si tratti di pensieri e giudizi, venuti dal leggere e rileggere cose vecchie e nuove, o di considerazioni, spunti, citazioni, suggerimenti di lettura su quello che ci sta a cuore: lo scrivere. Leggi tutto



Castelvecchi ha pubblicato quest’estate il saggio che Benjamin scrisse a Ibiza, nel 1933, e che costituisce un riferimento essenziale nel romanzo di Carlo Simoni, Il miserabile: “Era incredibile – dice la protagonista del romanzo – come la depressione che lo attanagliava non gli impedisse di lavorare. Scrisse in quei giorni Esperienza e povertà. Pagine che restano per me fra le sue più toccanti, e profonde, certamente anche perché un giorno ne volle discutere con me. Il venir meno della capacità di narrare non era che la spia di una crisi più generale e profonda, quella della possibilità di vivere accumulando davvero esperienza.”

Walter Benjamin, Esperienza e povertà, a cura di Massimo palma, Castelvecchi 2018)
Leggi tutto



“Gli altri si vantino per le pagine che hanno scritte; io vado orgoglioso per quelle che ho lette.”
(Jorge Luis Borges)

Gli animali, e noi

Carl Safina, Al di là delle parole (Adelphi 2018)

Un tempo fuori dal tempo

Benjamin Gross, Un momento di eternità. Il sabato nella tradizione ebraica (EDB 2018)

Le storie degli altri

Rachel Cusk, Resoconto (Einaudi 2018)

Una lettura nuova della Montagna magica…

Vito Cagli, La medicina ne La montagna magica di Thomas Mann (Armando Editore 2018)

Le cose essenziali della vita, e la scrittura

Jón Kalman Stefánsson, Storia di Ásta. Dove fuggire, se non c’è modo di uscire dal mondo? (Iperborea 2018)

Il linguaggio dei piedi

Virtus Zallot, Con i piedi nel Medioevo (Il Mulino 2018)

clicca qui per andare agli altri appunti di lettura


“Mi piace scrivere a mano, senza cancellare, evitando ripensamenti. Ci tengo a conservare su carta…
“E’ impossibile descrivere i fatti, anche quando lo si fa senza alcuna ambizione letteraria; si…
“Il più sublime lavoro della poesia è dare senso e passione alle cose insensate.” (Giambattista…