Tutti narcisisti, ma non allo stesso modo

Vittorio Lingiardi, Arcipelago N. Variazioni sul narcisismo, Einaudi 2021 (pp. 124, euro 12)

È un narcisista, si dice di una persona le cui qualità appaiono limitate da un tratto inaggirabile, da un vizio che ne mina le potenzialità, senza badare al fatto che “Il meccanismo auto-erotico allogasi, qual più qual meno, in tutte le anime”. Così Carlo Emilio Gadda, citato in esergo da Lingiardi che ne conferma la tesi: “Siamo tutti narcisisti, ma non allo stesso modo. E non tutti abbiamo un disturbo narcisistico di personalità”. Ecco il punto: c’è l’amor proprio e c’è l’amor di sé, diceva Rousseau – uno che di narcisismo se ne intendeva –, si tratta di considerarne le rispettive proporzioni. “Funambolo dell’autostima, Narciso cammina su una corda tesa fra un sano amor proprio e la sua patologica celebrazione”. Ma dove, come e perché, finisce la salute e inizia la patologia? Questa è la domanda cui il libro si propone di rispondere, offrendo da un lato una rassegna dettagliata, spesso suggestiva, delle manifestazioni del narcisismo e dei tipi che lo incarnano (ed è qui, appunto, che crolla l’inconfessata convinzione che narcisisti siano solo gli altri); dall’altro, descrivendo i terreni di coltura del narcisismo, le condizioni favorevoli al suo insorgere e al suo prosperare nel corso dell’intera esistenza. Certo, si tratta di un compito difficile quello assunto dall’autore, che ne è tanto consapevole da aver sottolineato in quell’“arcipelago” del titolo la varietà e la complessità del fenomeno in questione, ammettendo poi – citando la sentenza di uno studioso alle prese con la definizione di narcisismo – che “Ci sono almeno due punti su cui tutti concordano: uno è che il concetto di narcisismo è uno dei più importanti contributi della psicoanalisi, l’altro è che è uno dei più confusi”. E infatti quando affronta la storia delle interpretazioni psicoanalitiche, da Freud ai giorni nostri, lo dice: “il narcisismo è un rompicapo”.

Eppure, una mappa è possibile tracciarla, a partire dalla distinzione fra narcisisti di “pelle sottile” o invece di “pelle spessa”. Sono questi ultimi a manifestare con più evidenza il loro carattere, la disfunzionalità del loro modo di rapportarsi a sé e agli altri: portatori di un’idea “grandiosa” di sé stessi, aggressivi, disattenti alle ragioni degli altri o addirittura propensi a usarne strumentalmente i sentimenti, anche grazie al fascino che sanno ispirare e al potere di seduzione che detengono. Meno scoperti i narcisisti di “pelle sottile”, anch’essi convinti di una loro sostanziale eccellenza, convinzione che tuttavia resta sottotraccia, insicura, tanto da risolversi in molti casi in “sentimenti di inadeguatezza, incompetenza e inefficacia”, o in una mai dichiarata invidia per chi è capace di non lasciarsi condizionare dal giudizio degli altri. In entrambi i casi, comunque, è la “regolazione dell’autostima” a registrare – sull’onda di una più o meno celata tendenza depressiva – un fallimento, costringendo il narcisista a una ricerca ininterrotta e mai sazia di ammirazione.

Una denuncia del narcisismo, uno smascheramento dei diversi tipi umani che lo traducono in comportamenti e stile delle relazioni? No, perché – avverte Lingiardi – il narcisista rende spesso infelici gli altri, non esclusi – anzi, soprattutto – quelli che ama, ma è a sua volta un infelice: “In ogni narcisista grandioso si nasconde un bambino che si vergogna, in ogni narcisista depresso e autocritico si annidano le fantasie grandiose di un bimbo onnipotente”.

Ed eccoci al perché: perché si diventa narcisisti? Sono l’edonismo e l’egoismo che caratterizzano la nostra società a indurre alla “banalizzazione delle relazioni personali”, all’”autoindulgenza”, alla “fuga dalla dipendenza affettiva”, all’“incapacità di gratitudine” e all’“orrore delle vecchiaia”, tutti tratti tipici del narcisismo che Christopher Lasch (La cultura del narcisismo) quarant’anni fa metteva in luce nella sua  diagnosi di una società narcisista e che oggi si ritrovano accresciuti nel mondo dei media e dei social soprattutto.

“Ma attenzione: se ogni disturbo della personalità è l’esito di un modello bio-psico-sociale, sociale è solo un terzo del problema. Gli altri due terzi sono il temperamento e le relazioni familiari. Relazioni contrassegnate frequentemente da un deficit di accudimento materno che genererà un bisogno incolmabile di amore, ossia di riconoscimento, o altrettanto spesso da un narcisismo dei genitori che il figlio erediterà, come un destino.

Non solo psicologi e psicanalisti sono chiamati in causa, in queste pagine, ma anche scrittori (dal citato Gadda a Woolf a Morante) e autori cinematografici, per arrivare alla conclusione che “Dentro le corazze o le apnee narcisistiche c’è sempre qualcuno che ha bisogno di ascolto. Non sempre lo sa e non sempre sa raccontarsi, ma limitarsi a brontolare contro i danni della vita online e della cultura del narcisismo non servirà a noi né tantomeno a lui. Le clausure della pandemia ci hanno insegnato molto in questo senso”.

Questo testo compare anche nel sito della nuova libreria Rinascita di Brescia, alle cui attività culturali Carlo Simoni collabora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *