Author Archives: Laboratorio di autoconoscenza

Cantando l’infanzia

Dicembre 30th, 2014 | Posted by Laboratorio di autoconoscenza in Laboratorio di autoconoscenza | Sentieri di versi - poesia, non poesia - (1 Comments)

70.copertine-laboratorio.infanzia

Tu mi ricordi l’infanzia,
quando l’aurora, compagna di giochi,
irrompeva sulla sponda del letto
sorprendendomi…

quando la fede nel meraviglioso
mi rifioriva sempre nel cuore
com
e una fresca corolla…
quando insetti, uccelli e fiere,
nuvole, erbe e cespugli esercitavano

tutto il loro fascino …

quando a notte lo scroscio della pioggia

recava sogni della terra incantata

e nella sera la voce di mia madre

dava senso alle stelle…

Rabindranath Tagore

cantandoinfanzia_01

Tu mi ricordi l’infanzia,

quando interamente mi pervadevano i suoni,
campane e rondini…

quando forme visi e colori erano fusi
nella pienezza viva
dei pomeriggi ronzanti e immobili
delle pozzanghere sulla strada battuta
dei nascondigli ingenuamente segreti …

quando la mano serena che traeva disegni dalla lana
mi testimoniava e rassicurava
della fraterna anima del mondo …

Tu mi ricordi l’infanzia,
quando l’aurora, compagna di giochi,
irrompeva sulla sponda del letto
sorprendendomi

quando la testiera del letto
con i suoi intarsi madreperlati dai mille colori
mi affascinava e mi trasportava in un mondo incantato
sorprendendomi

quando a sera il buio arrivava,
accompagnato dai suoi fantasmi e dalle sue paure,
e mi scaraventava nell’angoscia
sorprendendomi

cantandoinfanzia_02

quando le coperte, tirate su, su oltre la testa,
facevano barriera al mondo proteggendomi
da ciò che non volevo sentire

quando una nebbia lattiginosa mi avvolgeva
e mi immergeva nell’oblio

quando il rumore scoppiettante del moschito
annunciava l’arrivo di un giovane uomo

quando l’assenza e il desiderio di lei bruciavano l’anima

quando il miracolo dell’amore si rinnovava
tra le braccia della nonna, sempre pronta
ad accogliere la piccola bambina.

Tu mi ricordi l’infanzia,

quando nei giorni d’inverno, malata
a lungo, curiosa aspettavo
le allettanti promesse di chi mi curava

quando la soglia, il pollaio, il porcile,
il recinto dell’orto, il pozzo,
la stalla,
segnavano il limite dell’aia assolata

quando in assenza dei Grandi,
la gabbia dei conigli vuota,
a terra,
diventava il mio nascondiglio

cantandoinfanzia_03

quando i ciliegi, le zinnie, le rose a mazzetti,
le palle di neve,
le speronelle turchine
coloravano i confini dell’universo

quando le altissime oche, vestite di candida piuma,
il collo proteso in avanti, l’occhio nemico,
il becco aperto
soffiando, mi rincorrevano

quando gli zingari, in sosta all’incrocio,
con carovane cavalli bambini
e donne
dalle lunghe sottane e la pelle scura, mi impaurivano

quando la gatta bianca correva veloce
sul ponte,
incontro al pescivendolo
che fischiettava lontano

quando dalla strada ghiaiata, improvviso,
irrompeva nell’aria
l’urlo del fruttivendolo che domandava:
«vàghia?!»¹

quando una sera in cucina, la polenta sul fuoco,
mia madre diceva aver visto, dai vetri,
passare nel cielo
Santa Lucia

¹«vado?!»

 

Continua la lettura nel pdf:

pdf